Cybersecurity, Supply Chain e gli attacchi da temere

Contenuti

In un mondo interconnesso, nessuna azienda può considerarsi un’entità isolata. Con l’espansione digitale, le organizzazioni interagiscono con una vasta gamma di partner, creando una rete intricata di connessioni. Tuttavia, con ogni nuova connessione, la superficie di attacco si espande, offrendo ai cybercriminali nuove opportunità.

Punto chiave:

  • L’ampliamento del perimetro aziendale porta ad una superficie di attacco più estesa.

Secondo studi recenti, l’incremento delle interconnessioni ha portato a un aumento del 250% degli attacchi mirati alla Supply Chain negli ultimi cinque anni. Gartner stima che entro il 2025, il 45% delle organizzazioni sarà esposta a vulnerabilità nella loro software Supply Chain.

Cos’è la Supply Chain?

Nel mondo moderno, la produzione e distribuzione di beni e servizi si basa su una rete intricata e interdipendente: la Supply Chain, o catena di approvvigionamento.

Definizione

La Supply Chain rappresenta l’intera sequenza di passaggi, processi e attori coinvolti nella creazione e distribuzione di un prodotto o servizio. Questa rete inizia dalla materia prima, passa attraverso la produzione, lavorazione, trasporto e distribuzione, e termina quando il prodotto finale viene consegnato nelle mani del consumatore.

Componenti chiave

  1. Fornitori: Organizzazioni o individui che forniscono le risorse necessarie per produrre beni o servizi.
  2. Produttori: Entità che trasformano le materie prime in prodotti finiti o semi-finiti.
  3. Distributori: Gli intermediari che trasportano e consegnano i prodotti ai rivenditori o direttamente ai consumatori.
  4. Rivenditori e Consumatori: Gli attori finali nella catena che acquistano e utilizzano il prodotto.

Oltre la Fisicità

Ma la Supply Chain non riguarda solo il flusso fisico dei beni. Comprende anche i flussi informativi e finanziari associati. Questi flussi garantiscono che le informazioni vengano trasferite efficacemente tra tutti gli attori coinvolti e che le transazioni finanziarie avvengano senza intoppi.

Importanza nella Digitalizzazione

Con l’avvento dell’era digitale, le catene di approvvigionamento sono diventate ancora più complesse e interconnesse. Ogni anello della catena, ora, non solo deve garantire la qualità e l’efficienza, ma anche la sicurezza informatica. L’integrazione della tecnologia ha reso la gestione delle Supply Chain una disciplina oculata, in cui ogni dettaglio può avere ripercussioni su tutta la rete.

In sintesi, comprendere la natura e la struttura della Supply Chain è essenziale per garantire che i prodotti e servizi vengano prodotti e consegnati in modo efficiente e sicuro in un mondo sempre più globalizzato e digitalizzato.

Come funziona un attacco alla Supply Chain?

Gli eventi che coinvolgono SolarWinds e Log4Shell non sono isolati; piuttosto, rappresentano una tendenza crescente in cui gli aggressori sfruttano vulnerabilità nei sistemi dei fornitori. Questi attacchi, noti anche come attacchi “a salto”, bypassano le difese dirette di un’organizzazione mirando ai suoi partner meno protetti.

Punto chiave:

  • 66% degli attacchi sfrutta vulnerabilità nel codice del fornitore.

Con l’avvento del cloud e delle soluzioni basate su SaaS come Google Workspace, la necessità di sicurezza è diventata ancora più critica. Mentre piattaforme come Google Workspace offrono soluzioni integrate per la sicurezza, è essenziale che le organizzazioni le implementino correttamente e monitorino costantemente le potenziali minacce.

Gli attacchi vanno oltre l’elusione dell’autenticazione multifattoriale (MFA). Molte volte, gli aggressori sfruttano protocolli di rete non sicuri e sistemi non aggiornati. Questo rende essenziale l’adozione di soluzioni come Cortex XDR, che offrono rilevamento avanzato delle minacce e risposta automatizzata.

Come proteggersi dai rischi legati alla Supply Chain?

Un’efficace strategia di sicurezza della Supply Chain richiede un mix di tecnologia, processi e formazione. Mentre le soluzioni tecnologiche, come l’intelligenza artificiale (AI), possono offrire monitoraggio in tempo reale e risposte rapide, la formazione degli utenti e l’implementazione di processi robusti sono altrettanto essenziali.

Punto chiave:

  • Un approccio olistico alla sicurezza è vitale.

Le email rimangono uno dei principali vettori di attacco, rendendo essenziale l’adozione di protocolli come DMARC (Domain-based Message Authentication, Reporting, and Conformance). DMARC aiuta le organizzazioni a proteggere i loro domini dagli abusi, prevenendo phishing e spoofing.

Il monitoraggio costante, l’automazione e l’analisi proattiva delle minacce sono fondamentali. Inoltre, servizi come il Managed Detection and Response (MDR) possono estendere le capacità di un’organizzazione, garantendo che le minacce vengano rilevate e neutralizzate in tempo reale.

Conclusione

Nell’attuale era di interconnessione e digitalizzazione, la linea tra il mondo fisico e il virtuale è sempre più labile. Questa trasformazione ha reso la Supply Chain – l’arteria vitale dell’economia globale – sia una risorsa inestimabile che un potenziale punto di vulnerabilità. Gli attacchi mirati a questa struttura sottolineano la cruciale necessità per le organizzazioni di salvaguardare ogni segmento della catena, non solo per la loro integrità, ma anche per quella dei loro partner, clienti e, alla fine, dell’intero ecosistema economico.

La sicurezza della Supply Chain non è solo questione di tecnologia. È imperativo instaurare una cultura della sicurezza, in cui ogni individuo sia consapevole del suo ruolo nel mantenimento di una rete sicura. Solo attraverso un approccio combinato, che integri formazione, tecnologia avanzata e strategie proattive, possiamo sperare di contrapporci efficacemente alla crescente minaccia dei cyber attacchi. In un mondo sempre più interconnesso, la nostra vera forza risiede nella nostra capacità di collaborare, innovare e proteggere in sinergia.